Lega Pallavolo Serie A, ottava giornata: al Pala Panini Modena rimonta Trento (3 a 1) e resta nella scia di Civitanova (vittoriosa a Vibo); Perugia batte Ravenna e continua la risalita in classifica!

Esultano i giocatori della Leo Shoes Modena (Foto Modena Volley)

Leo Shoes Modena – Itas Trentino 3 a 1 (22-25, 25-23, 25-22, 25-21). Davanti ai 5.000 spettatori del Pala Panini tutto esaurito, Modena ospita l’Itas degli ex Lorenzetti, Vettori e Kovacevic (protagonisti dell’ultimo scudetto festeggiato all’ombra della Ghirlandina nel 2016). Leo Shoes in formazione tipo con Andrea Giani che manda in campo la diagonale Christenson (4) / Zaytsev (top scorer con 18 punti ed MVP di giornata), gli schiacciatori Anderson (14) e Bednorz (16), i centrali Holt (11) e Mazzone (3), il libero Rossini. Nessun problema di formazione neanche per Angelo Lorenzetti, che schiera l’Itas con la formazione titolare: Giannelli (2) e Vettori (17) in diagonale, gli schiacciatori Kovacevic (9) e Russell (17), i centrali Lisinac (13) e Candellaro (5), il libero Grebennikov. Primo set. Modena conduce per gran parte del parziale (anche con tre punti di vantaggio: 14-11) ma Trento resta a contatto, sorpassa con l’ace di Vettori (22-21), si conquista il set point (24-22) dai nove metri (stavolta con Russell) e chiude il primo parziale con il contrattacco vincente di Kovacevic: 25 a 22. Secondo set. L’ace di Anderson vale il primo allungo (7-4) e l’errore di Kovacevic in attacco il massimo vantaggio: più quattro per gli uomini di Andrea Giani (12-8). Trento però è in partita, ricuce e sorpassa con l’ace di Russell (18-17). Zaytsev riceve e si propone in attacco per il 18 pari, prima che Bednorz realizzi l’ace del controsorpasso (19-18). Muro di Zaytsev su Kovacevic: 23-20. L’Itas accorcia ancora (23-24) e con Russell avrebbe il contrattacco della possibile parità, ma lo schiacciatore statunitense attacca out non trovando le mani del muro modenese: 25 a 23 per la Leo Shoes. Terzo set. Altro parziale giocato sul filo dell’equilibrio. Bednorz sembra piazzare la zampata decisiva (22-19), ma il muro di Candellaro su Holt riporta gli uomini di Lorenzetti a contatto (22-23). Christenson dà nuovamente fiducia al suo connazionale, che stavolta va a segno in primo tempo conquistando il set point (24-22). Zaytsev compie un grande intervento difensivo dopo il muro di contenimento dei padroni di casa su Kovacevic, Christenson alza dietro per Anderson che mette giù in contrattacco il pallone del 25 a 22. Quarto set. Solito avvio equilibrato, poi l’ace di Bednorz inizia a scavare il solco (11-8). Vettori attacca out (15-10). Una gran battuta di Anderson manda in crisi la ricezione di Trento, e la free ball che ne scaturisce viene trasformata da Zaytsev nel punto del massimo vantaggio modenese: più sei (17-11). Un contrattacco di Vettori in parallela riporta la Itas a meno tre (15-18). Giani chiama time out invitando i suoi a non guardare il punteggio ed a continuare a giocare punto su punto. Il muro di Christenson su Russell sembra chiudere i giochi (22-16), ma Trento ha carattere e, dopo il primo tempo out di Holt (19-22), va a segno in contrattacco con Vettori riportandosi a meno due (20-22). Anderson va a segno conquistando un fondamentale cambio palla (23-20), poi Holt realizza l’ace del match point (24-20). L’errore al servizio di Candellaro vale il 25 a 21 finale, la settima vittoria in campionato, ed il secondo posto solitario in classifica alle spalle della Lube. Ace: 10 a 9 per Modena (6 sono di Bednorz). Muri: 6 a 6. Sir Safey Conad Perugia – Consar Ravenna 3 a 0 (25-14, 25-18, 25-18). Davanti ai 3.181 spettatori del Pala Barton, continua spedita la marcia di riavvicinamento di Perugia alle prime posizioni della classifica. Ancora senza Atanasijevic e Ricci, Heynen ha schierato la Sir con la diagonale De Cecco (1) / Hoogendoorn (top scorer di giornata con 14 punti), Leon (13) e Lanza (7) attaccanti di banda, Russo (9) e Podrascanin (8) al centro, libero Colaci. Ace: 5 a 1 Perugia. Muri: 7 a 4 Perugia. Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Cucine Lube Civitanova 1 a 3 (27-25, 18-25, 17-25, 21-25). Prosegue senza soste la corsa solitaria in vetta della Lube (unica compagine della SuperLega Credem Banca ancora inbattuta), che espugna anche Vibo. De Giorgi tiene ancora a riposo Juantorena e manda in campo la Lube con la diagonale Bruno (2) / Ghafour (13), gli schiacciatori Kovar (14) e Leal (top scorer con 25 punti), i centrali Diamantini (6) e Simon (11), il libero Balaso. Miglior realizzatore della Tonno Callipo, Timothee Carle con 17 punti. Ace: 5 a 3 Civitanova. Muri: 8 a 5 Civitanova. Globo Banca Popolare del Frusinate Sora – Allianz Milano 1 a 3 (26-24, 18-25, 17-25, 18-25). La squadra di Roberto Piazza si conferma come la prima vera alternativa al quartetto designato delle favorite, espugnando anche il campo di Sora. Top scorer (neanche a dirlo) l’opposto olandese Nimir Abdel-Aziz, a segno 28 volte. Calzedonia Verona – Vero Volley Monza 0 a 3 (21-25, 19-25, 21-25). Davanti ai 3.577 spettatori dell’AGSM Forum, colpo esterno di Monza che, trascinata dal solito Bartosz Kurek (top scorer con 19 punti), conquista tre punti preziosi ed inizia a vedere una classifica più consona alle sue ambizioni. Boyer, con 16 punti, è il miglior realizzatore della formazione di Stoytchev. Nell’anticipo di ieri, successo interno della Kioene Padova sulla Top Volley Latina per 3 a 1 (25-20, 25-15, 18-25, 25-22; mattattori di giornata lo schiacciatore Ishikawa con 22 punti e l’opposto Hernandez, a segno 21 volte). Ha riposato la Gas Sales Piecenza. (Dati Lega Pallavolo Serie A)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...