Qualificazioni olimpiche, a Tokyo ci va la Francia: prestazione perfetta dei Bleus che a Berlino travolgono la Germania 3 a 0!

Si abbracciano i giocatori della nazionale francese (Foto FIVB)

Berlino. Acciaccata, con defezioni importanti (Boyer), eppure estremamente tenace e, cosa più importante, concentrata nel momento che contava di più. Alla fine il tabellino, inequivocabilmente, recita: Francia 3 Germania 0 (25-20, 25-20, 25-23). Dopo un’estate difficile (la mancata qualificazione diretta alle Olimpiadi e l’aver concluso gli Europei organizzati in casa fuori dal podio), la Francia ha saputo ritrovarsi, nell’ultima occasione possibile, regalandosi un sogno chiamato Tokyo. Dopo l’eliminazione della Serbia (dovuta in parte anche al secco 3 a 0 che i bleus sono stati capaci di infliggere all’esordio nella Pool B ai campioni d’Europa in carica di Kovac), restava la favorita d’obbligo ma si sa, non si può mai dare nulla per scontato. Ieri, in semifinale contro la Slovenia di Giuliani, ha rischiato grosso, ma alla fine ha reagito. Una vittoria che ha dato certezze al gruppo e soprattutto a Laurent Tillie che, da quella rimonta, ha trovato la quadratura della squadra, sciogliendo i dubbi di una formazione più volte variata in questi giorni (anche per le non perfette condizioni fisiche di alcuni giocatori) e scelto il sestetto che è stato in grado di spegnere l’entusiasmo e respingere l’assalto dei padroni di casa guidati da Andrea Giani. Il tecnico italiano, confermando il sestetto delle ultime uscite, ha schierato la selezione tedesca con Lukas Kampa (2) in palleggio e l’opposto Gyorgy Grozer (top scorer dell’incontro con 20 punti) a completare la diagonale, Christian Fromm (5) e Denys Kaliberda (5) in banda, Marcus Bohme (5) e Tobias Krick (4) al centro, il libero Markus Steuerwald. Tillie, da parte sua, ha mandato in campo i transalpini con Brizard in palleggio e l’opposto Jean Patry (miglior realizzatore dei suoi con 14 punti) in diagonale, Earving Ngapeth (12) e Yacine Louati (6) in banda, Nicolas Le Goff (11) e Barthélémy Chinenyeze (10) al centro, il libero Jenia Grebennikov. Ace: 6 a 2 per la Francia (4 sono stati messi a segno da Patry). Muri: 7 a 5 per la Francia (di cui 6 messi a terra da Le Goff). (Dati CEV)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...