Pallavolo Femminile: l’Associazione Procuratori Volley contesta i tagli decisi dalla Lega ed avanza nuove proposte!

(Immagine Lega Volley Femminile)

Di seguito una sintesi della lettera che la A. P. Volley ha inviato al Presidente (dimissionario) della Lega Volley Femminile, Mauro Fabris. A seguito del confronto del 10 aprile u.s. con Voi ed i Vostri rappresentanti, l’A. P. Volley prende atto della “inderogabile decisione” di decurtare gli stipendi delle atlete e staff tecnici nostri assistiti, nelle percentuali del -30% per le atlete e staff di serie A1 e -40% per le atlete e staff di serie A2. Ribadiamo che, in un momento così delicato e difficile, sia auspicabile trovare un accordo fra le parti, auspicio e parole da Voi condiviso ma che non trova di fatto riscontro nelle Vostre decisioni dichiarate “non negoziabili”. Nonostante la Vostra palesata rigidità, reputiamo opportuno nonché sinonimo di buonsenso ed apertura al dialogo ed al confronto, proporVi la presente controproposta che, auspichiamo, trovi il Vostro consenso a definitiva tacitazione delle pretese avanzate da tutte le parti. Queste, alcune delle proposte:  a) base di iscrizione al prossimo campionato del 70% uguale per entrambe le serie A, ritenendo incongruente l’applicazione di percentuali di iscrizione / decurtazione di ingaggi in percentuali diverse; b) una base minima entro la quale non applicare le decurtazioni: di 12.000 euro per la serie A2 e di 20.000 euro per la serie A1; c) accettazione del pagamento differito del 50% dei compensi dal 21 marzo al 26 aprile; d) accettazione del differimento del 70% per entrambe le serie A; pagamento di una ulteriore mensilità entro il 30.09.2020 e di un’altra entro il 31.12.2020; e) suddivisione in 8 rate mensili dei compensi pattuiti a partire dalla prossima stagione; f) normativa che reintroduca la regolamentazione del 100% dei pagamenti. Preme evidenziare che le prestazioni degli atleti e staff tecnici sono state rese possibili sino allo stop degli allenamenti imposto dal decreto ministeriale del 01 aprile u.s. e la chiusura definitiva (forse?) dei campionati annunciata dalla Fipav il 10 aprile u.s. Atlete e staff tecnici hanno prestato la loro disponibilità ad attività professionale per il 90% della stagione: pertanto, nella denegata ipotesi in cui la nostra proposta non venisse accolta e non si addivenesse ad una apertura propositiva da parte dei club, sarà nostra cura rivolgerci ad un pool di esperti legali che si prenderà carico di tutelare gli interessi nostri e dei nostri assistiti promuovendo le dovute azioni legali nelle opportune sedi italiane ed internazionali. (Fonte: Gold Sport Srl – Agenzia di consulenza sportiva in ambito pallavolistico)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...