“Live Like Line”: Caroline Found, fuori e dentro il campo di pallavolo, il sorriso e la positività come stile di vita

Caroline Found (Photo: Press-Citizen)

Iowa City. “Live Like Line”. Alle volte bastano tre semplici parole ad esprimere efficacemente stati d’animo, racchiudere in sé significati che un romanzo intero non sarebbe in grado di descrivere. E‘ un suono dolce, come una musica trasportata dal vento capace di prenderti e trascinarti in una direzione che non conosci, ma che sai, senti essere quella giusta. “Live Like Line” e, come d’incanto, un sorriso sgorga dal cuore, l’entusiasmo ti assale, si accende la voglia di fare. Il bello della vita è che, a trasmettere tutto questo, può essere anche un’adolescente. Se ha dentro l’energia e la vitalità di Caroline Found. Nata dall’amore di Ellyn ed Ernie il 19 giugno del 1994, appena diciasettenne ha lasciato questa Terra nell’agosto del 2011, vittima di un incidente in motorino. Una ragazza capace di far star bene chi le era intorno (pur vivendo il dramma di una madre malata che la raggiungerà in cielo pochi giorni dopo), una vera leader come può esserlo chi, in un campo da pallavolo, dalla cabina di regia deve tenere tra le mani una squadra intera. 17 anni che le sono bastati a lasciare un segno indelebile nella sua comunità e non solo, se è vero che a lei HBO ha dedicato uno speciale e se nel 2018 Sean McNamara, dalla sua storia, ne ha tratto un film. “The Miracle Season” ha raccontato il capolavoro umano e sportivo delle Trojans dell’Iowa West High School che, in seguito alla tragica scomparsa della loro alzatrice e capitana “Line”, riuscirono nell’impresa di bissare il successo dell’anno precedente in campionato, dopo essere riuscite a qualificarsi per le fasi finali grazie ad una incredibile serie di quindici successi consecutivi ed a spuntarla in rimonta all’ultimo atto con uno spettacolare 16-14 al tie break, recuperando così i due set iniziali di svantaggio. A prestare il volto a Caroline, Danika Yarosh: la Malina Bennett di Heroes Reborn che aveva la capacità di controllare gli elementi, è riuscita a restituire al pubblico tutta la straripante energia positiva di Line, mentre Erin Moriarty ha indossato i panni di Kelley Fliehler, sua migliore amica, chiamata a sostituirla in campo nel ruolo di palleggiatrice. Il premio Oscar William Hurt ha interpreato papà Ernie Found. Ad un altro premio Oscar, Helen Hunt, il compito di portarte in scena Kathy Bresnahan, storico coach della squadra di pallavolo. Nel 2012, una panchina commemorativa è stata dipinta in città con il motto “Live Like Line”. Chi ama la pallavolo, non può non celebrare il 19 giugno, anniversario della sua nascita, cantando a squarciagola sulle note di Neil Diamond “Sweet Caroline”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...