Goncharova: “dobbiamo dimostrare di essere la Russia; Busato sa cosa ci manca e ci allenerà nel modo giusto”

(Immagine FIVB)

Mosca. Intervistata qualche giorno fa in diretta Instagram dall’ex giocatrice Tatiana Gracheva, l’opposto e capitano della Dinamo Mosca Nataliya Goncharova si è lasciata andare ad alcune considerazioni, a partire dalla sua situazione nella squadra di Club: “Penso di essere arrivata a Mosca nel 2006. Giocavo per le giovanili dell’Ucraina (Nataliya è infatti nata a Sokal’, nei pressi di Leopoli, il 01 giugno 1989 e, dopo essere stata naturalizzata, ha esordito con la nazionale russa nel 2010) e ci sfidavamo spesso in finale. E’ stato il capo allenatore Leonid Zaiko a volermi, per me è stato come un secondo padre. La prossima sarà la mia tredicesima o quattordicesima stagione nella Dinamo, ho già perso il conto. Spero di restare qui ancora altri anni. Rinnovo di anno in anno e prendo anche in considerazione altre opzoni. Ma a volte è meglio stare in un posto dove ti senti a tuo agio in termini di gioco, di attitudine, che è molto importante. Forse altrove ci sono migliori condizioni economiche, ma per me il fattore umano è sempre una priorità”. Nazionale: “Anche se abbiamo lavorato per poco tempo, con il nuovo allenatore Sergio Busato mi sono trovata bene. Gli allenatori stranieri dicono che dobbiamo cambiare mentalità. Busato è arrivato in nazionale con una visione leggermente diversa. Cerca di spiegare a noi giocatrici che dovremmo goderci le partite, giocare per noi stesse, rilassate e con il buon umore, perchè se ci divertiamo il risultato arriverà. Questo è davvero molto importante. Sta costruendo la squadra. In questo periodo il gruppo si è unito, siamo più amiche, c’è più comunicazione tra noi. Sergio ha portato tutto questo al nostro team, e l’ho apprezzato. Ci divertiamo. Irina Koroleva è sempre energica, Irina Fetisova sempre allegra, ma ognuna porta qualcosa. La cosa più importante è che nel team ci sono buone relazioni. In questo momento manca un po’ di fiducia, un po’ di sfrontatezza sportiva. Dobbiamo scendere in campo e non mollare anche se qualcosa non funziona ed abbiamo perso il primo e il secondo set. Dobbiamo dimostrare che siamo la Russia e vincere contro le squadre con cui ora perdiamo. Abbiamo sempre avuto un grande attacco ed un grande muro. Questo ora sta venendo meno, ma credo che Busato capisca perfettamente cosa ci manca e ci allenerà correttamente”. Tempo libero: “Ho un cucciolo che ha bisogno di molte attenzioni, di cure. Per rilassarmi mi piace leggere romanzi, letteratura straniera moderna, libri di psicologia. Durante l’infanzia mi sono innamorata della pesca. Ci andavo spesso con mio padre. Mi rassicura. Mi piace la canna da pesca, il silenzio, la mattina presto”. (Fonte: Vollyball Club Dinamo Mosca)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...