CEV: Andrea Zorzi, Vital Heynen e Philippe Blain svelano la loro formazione ideale dell’ultimo decennio

Wilfredo Leon con la maglia della Polonia durante i Campionati Europei 2019 (Immagine CEV)

Lussemburgo. Il portale della CEV ha riproposto un’intervista (dello scorso maggio) di James Fielden ad Andrea Zorzi, Vital Heynen e Philippe Blain per selezionare la formazione maschile ideale dei giocatori europei dell’ultimo decennio. Queste le scelte ed un estratto dei loro commenti riportati sul sito della Confederazione Europea della Pallavolo. Libero – Jenia Grebennikov (Fra). Andrea Zorzi: “Mi piace molto. Mi piace in campo, mi piace il suo atteggiamento. Penso che sia un nuovo tipo di libero, sta facendo qualcosa di nuovo nel mondo in questo ruolo. Sta giocando in una squadra complicata e lui dà tanto anche nei momenti difficili”. Vital Heynen: “Mi piace molto il suo gioco, è così dinamico. Anche se mi piace molto Zatorski, devo ammettere che è un piacere vedere Jenia giocare”. Philippe Blain: “È il miglior libero moderno che gioca in questo momento. Ho lavorato con Zatorski, credo che sia fantastico ma penso che Jenia abbia di più in termini di come lavora con i suoi compagni di squadra, la sua lotta, spinge sempre ed è positivo, è davvero un grande libero”. Schiacciatore – Wilfredo Leon (Pol). Andrea Zorzi: “Tecnicamente, emotivamente, fisicamente è un grande giocatore. Non ha avuto la possibilità di giocare molto a lungo per la Nazionale, per ragioni non sotto il suo controllo, ma è la prima scelta assoluta per questo ruolo”. Vital Heynen: “Ad un certo punto della stagione ho fatto l’analisi statistica e i numeri di Wilfredo erano molto migliori di tutti i giocatori con cui avevo lavorato nei miei 15 anni da allenatore. Quindi gli ho detto che non si tratta solo di come appare, o di quanto forte colpisce, ma nel complesso è il miglior giocatore del mondo. In questo momento non c’è discussione per me, come laterale è il migliore. Penso che se faremo questo tipo di dibattito di nuovo tra dieci anni lo metteremo anche in quella squadra”. Schiacciatore – Osmany Juantorena (Ita). Vital Heynen: “Ha vinto la Champions League con Trento nel 2011 e poi nel 2019 l’ha riconquistata con Civitanova. Se si considerano i dieci anni, è una scelta ovvia”. Philippe Blain: “La sua prestazione è sempre costante, sta giocando molto bene. Sarebbe difficile non metterlo in squadra”. Centrale – Dmitry Muserskiy (Rus). Vital Heynen: “Ha dominato la scena al centro per circa 5-6 anni, essendo uno dei pochi centrali che potevano vincere una partita. Ricordo di averlo visto dal vivo per la prima volta nel 2012 e sono rimasto così impressionato dal suo movimento a muro, il primo ragazzo veramente alto che poteva spostarsi così bene per murare”. Andrea Zorzi: “Deve essere la prima scelta! Sono rimasto così colpito dalle sue capacità per un ragazzo così alto. Non possiamo dimenticare il ruolo che ha avuto nel vincere medaglie importanti, quindi lo sostengo pienamente come prima scelta in questo ruolo”. Philippe Blain: “Combina entrambe le situazioni così bene, molto efficiente in attacco e davvero impressionante a muro. Se vuoi il meglio delle due cose, deve essere la prima scelta”. Centrale – Piotr Nowakowski (Pol). Andrea Zorzi: “Lo scelgo perché devo guardare cosa ha saputo vincere, diventando campione del mondo due volte di seguito”. Vital Heynen: “Quando ho iniziato a lavorare con la nazionale polacca qualche anno fa ho chiesto a diverse persone quale fosse la persona più intelligente della squadra e tutti hanno detto che era Piotr. È un introverso, non parla troppo ma è il ragazzo più intelligente e questo si vede dal modo in cui gioca”. Palleggiatore – Benjamin Toniutti (Fra). Philippe Blain: “Ha sviluppato un tipo di pallavolo molto interessante. La sua squadra non ha grandi potenzialità fisiche ma le sue scelte nei momenti giusti sono state grandi”. Andrea Zorzi: “E ‘un ragazzo meraviglioso, non solo come giocatore con una straordinaria capacità di migliorare le prestazioni della sua squadra. A causa delle personalità presenti nella nazionale francese, essere il regista non è un lavoro facile e penso che lui è stato fantastico. Nonostante abbia giocatori eccezionali tra cui scegliere, Benjamin per me è il palleggiatore dell’ultimo decennio”. Opposto – Maxim Mikhailov (Rus). Andrea Zorzi: “Credo che Maxim sia di gran lunga la scelta migliore e il miglior opposto del decennio. Ha vinto con la nazionale, ha vinto con lo Zenit Kazan, non si può chiedere di più a un giocatore in questo ruolo”. Vital Heynen: “Questa è una scelta molto facile, perché ha dominato in questo ruolo. È così costante, gioca sempre. Sicuramente il migliore dell’ultimo decennio”. Di seguito il link per vedere l’intero dibattito: https://www.youtube.com/watch?v=QPejAv3I-lY. (Fonte: CEV)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...