La Lokomotiv è campione di Russia: Kaliningrad (Lippmann, 25) rimonta Mosca e conquista il titolo al tie break

La Lokomotiv Kaliningrad in festa (Immagine Volleyball club Dinamo-Ak Bars Kazan)

Kazan. Ci sono tanti modi per vincere un titolo, ma quello che la Lokomotiv ha scelto per laurearsi Campione di Russia per la prima volta nella sua storia ha un sapore indimenticabile. Arrivata alle Final Six come terza incomoda tra le due favoritissime Dinamo-Ak Bars Kazan (club ospitante) e Dinamo Mosca, Kaliningrad ha prima rotto gli equilibri superando la Dinamo-Ak Bars al tie break nella Pool A, costringendo Kazan ad affrontare Mosca in semifinale, e poi ha completato l’opera in finale, con una rimonta da sogno quando ormai tutto sembrava perso. Invece, sotto di due set e con le spalle al muro, la Lokomotiv ha avuto la forza di reagire, spingendosi fino all’apoteosi: 3 a 2 (21-25, 19-25, 25-23, 25-19, 15-12) dopo 127 minuti di intense e contrastanti emozioni. Voronkov ha schierato Kaliningrad con Laura Dijkema (3, di cui 1 al servizio) in palleggio e l’opposta Louisa Lippmann (top scorer con 25 punti realizzati, di cui 1 ace e 5 muri vincenti), Irina Voronkova (16, di cui 1 al servizio, 1 a muro ed il 53% di ricezione positiva) e Tatiana Ezhak (18, di cui 2 ace e 3 muri vincenti) in banda, Valeriya Zaytseva (9, di cui ben 7 a muro) ed Ekaterina Evdokimova (13, di cui 3 muri vincenti) al centro, Alla Galkina (60% di ricezione positiva) libero; subentrate: Maria Vorobyeva (2), Anna Melnikova, Anastasia Stalnaya e Daria Ryseva. Bulatovich ha mandato in campo la formazione della capitale con Tatiana Romanova (2 punti a muro) in palleggio e l’opposta Nataliya Goncharova (15, di cui 1 ace), le schiacciatrici e ricevitrici Natalia Pereira (20, di cui 2 a muro ed il 68% ricezione positiva) e Yana Shcherban (19, di cui 1 ace ed il 56% di ricezione positiva), le centrali Irina Fetisova (7, di cui 2 a muro) ed Ekaterina Enina (23, di cui 2 ace, 7 muri vincenti ed il 67% in attacco), il libero Maria Bibina; subentrate: Anna Klimets (2, di cui 1 a muro), Marina Babeshina, Natalia Krotkova ed Ekaterina Orlova. Ace: 5 a 4 Kaliningrad. Muri: 19 a 14 Kaliningrad. Per la Lokomotiv è il primo titolo nazionale. Nel primo match di giornata, valido per l’assegnazione del terzo posto, la Dinamo-Ak Bars Kazan ha superato l’Uralochka-NTMK Ekaterinburg (a cui non sono bastati i 31 punti della top scorer Ksenia Smirnova) con il punteggio di 3 set ad 1 (25-20, 25-21, 23-25, 27-25) al termine di un match durato 1 ora e 55 minuti. Gilyazutdinov ha schierato la formazione del Tatarstan con Elizaveta Popova (2, di cui1 al servizio) in cabina di regia ed Arina Fedorovtseva (28, di cui 1 muro vincente) opposta sulla diagonale, Tatiana Kadochkina (23, di cui 1 al servizio e 5 a muro) ed Anna Kotikova (14, di cui 3 muri vincenti) in banda, Irina Koroleva (9, di cui 3 a muro) e Marina Maryukhnich (4) al centro, il libero Anna Podkopaeva (58% di ricezione positiva); subentrate: la capitana Evgeniya Startseva, Samantha Bricio e Taisiya Konovalova. Ace: 4 a 2 Ekaterinburg. Muri: 12 a 12. (Fonte: Volley Service Sport Agency)

La Lokomotiv Kaliningrad in festa (Immagine Volleyball club Dinamo-Ak Bars Kazan)
La top scorer Louisa Lippmann (Immagine Volleyball club Dinamo-Ak Bars Kazan)
La grinta di Irina Voronkova (Immagine Volleyball club Dinamo-Ak Bars Kazan)
La Lokomotiv Kaliningrad in festa sul podio (Immagine Volleyball club Dinamo-Ak Bars Kazan)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...