Mondiali, l’Italia (Giannelli, MVP) è d’oro: Polonia rimontata 3 a 1

L’Italia (Immagine FIPAV)

Katowice. Si è conclusa con il successo dell’Italia l’edizione maschile dei Campionati Mondiali 2022: 3 a 1 (22-25, 25-21, 25-18, 25-20) il punteggio con cui gli Azzurri si sono imposti in rimonta sui padroni di casa della Polonia. Per l’Italia si tratta del quarto oro iridato, dopo i trionfi della generazione dei fenomeni (1990, 1994, 1998). Alla Spodek Arena di Katowice (davanti a 9.639 spettatori) Nikola Grbic ha schierato la Polonia detentrice del titolo mondiale con il palleggiatore Marcin Janusz e l’opposto (nonché capitano) Bartosz Kurek, i laterali Kamil Semeniuk ed Aleksander Sliwka, i centrali Mateusz Bieniek e Jakub Kochanowski, il libero Paver Zatorski. Ferdinando De Giorgi ha mandato in campo l’Italia campione d’Europa con il capitano Simone Giannelli in cabina di regia e Yuri Romanò opposto sulla diagonale, Alessandro Michieletto e Daniele Lavia in banda, Simone Anzani e Gianluca Galassi al centro, Fabio Balaso libero.

I capitani Bartosz Kurek e Simone Giannelli (Immagine FIVB)

Primo set. Un attacco da posto quattro di Sliwka ha aperto le danze concludendo una prolungata azione. Una pipe di Michieletto ha regalato il primo mini break all’Italia (4 a 2). Il primo time out lo ha chiamato Nikola Grbic, quando la nazionale campione del mondo in carica ha pasticcciato nella sua metà campo regalando il doppio vantaggio agli Azzurri (16-14). Un attacco di Semeniuk che non ha superato la rete ha regalato il primo massimo vantaggio alla nazionale campione d’Europa: più tre (18-15). Grbic ha cambiato la diagonale inserendo Lomacz in palleggio e Kaczmarek opposto, l’Italia ha trovato il più quattro con l’ace di Alessandro Michieletto (21-17). Sliwka ha sfruttato le mani del muro azzurro per accorciare (19-21), l’errore di Lavia ha riportato la Polonia a meno uno (20-21) e Mateusz Bieniek ha firmato con l’ace il pareggio a quota 21, costringendo De Giorgi a chiamare time out. La nazionale padrona di casa ha alzato il livello in difesa. Rientrato nel finale, Kurek ha sfondato il muro azzurro firmando il sorpasso (23-22). Sliwka ha trovato il set point in contrattacco (24-22), poi ha messo a segno il muro che (con un parziale di 8 punti ad 1) ha consegnato il primo set alla Polonia: 25 a 22.

Kamil Semeniuk (Immagine FIVB)

Secondo set. L’Italia ha subito il contraccolpo e, dopo il punto di Kurek, l’errore di Michieletto ed il contrattacco di Bieniek, si è subito ritrovata sotto 3 a 0. L’ace di Lavia ha riportato gli Azzurri a contatto (6-7), il muro a uno di Michieletto su Kurek ha firmato il pareggio (7-7). Potente l’attacco da posto quattro di Semeniuk che ha riportato la Polonia a più due (12-10), granitico il muro italiano che fermando Kurek ha ristabilito la parità (12-12). Kaczmarek è tornato in campo andando a segno in contrattacco, ed il muro di Sliwka su Lavia ha riportato la Polonia al massimo vantaggio (16-13). Giannelli di seconda intenzione ha accorciato le distanze (15-16), il contrattacco di Romanò è valso la nuova parità (16-16) e Nikola Grbic ha chiamato il time out. Tanti i lunghi scambi ed i contrattacchi che sono stati resi possibili dalle difese di Balaso e Zatorski. Con un tocco delizioso Semeniuk ha riportato avanti i padroni di casa (20-18), un ace di Giannelli ha però impedito alla Polonia di scappare (20-20). Con un contrattacco in pipe di Lavia l’Italia ha rimesso la testa avanti (21-20) e Nikola Grbic ha chiamato nuovamente time out. Al rientro in campo, dopo l’errore di Semeniuk, Michieletto ha murato Kaczmarek (23-20). Un’altra pipe vincente di Lavia ha consegnato agli Azzurri il set point (24-21), il muro di Anzani su Semeniuk ha chiuso il parziale: 25 a 21.

L’Italia (Immagine FIPAV)

Terzo set. De Giorgi ha cambiato il sestetto iniziale, con Roberto Russo in campo al posto di Galassi. Dopo l’ace di Janusz, il muro di Sliwka su Romanò ha segnato il primo doppio vantaggio nel set in favore della Polonia (4 a 2). Un attacco di Michieletto che non ha trovato il campo è valso il più tre in favore dei padroni di casa (7-4); De Giorgi ha chiamato time out. Un primo tempo di Bieniek terminato fuori ha restituito la parità all’Italia a quota 8. Con un tocco di classe Michieletto ha regalato il primo doppio vantaggio nel set all’Italia (13-11) e Nikola Grbic ha chiamato time out. Con una pipe di Alessandro Michieletto, un muro di Russo su Bieniek ed un contrattacco di Lavia, l’Italia è volata a più cinque (20-15). Il punto di Giannelli ed un altro muro di Russo (stavolta su Kaczmarek) hanno ritoccato il massimo vantaggio: più sette (23-16). Michieletto ha conquistato il set point (24-17), il primo tempo di Simone Anzani ha portato l’Italia avanti: 25 a 18.

Ferdinando De Giorgi, coach dell’Italia (Immagine FIPAV)

Quarto set. Grbic ha confermato Lukasz Kaczmarek inserendo Tomasz Fornal al posto di Sliwka. Una clamorosa difesa di Roberto Russo su Kaczmarek ricaduta nella metà campo polacca, un errore diretto di Fornal ed un attacco di seconda del capitano Simone Giannelli hanno fatto volare l’Italia a più quattro (10-6). Kurek è tornato in campo. Il muro di Anzani su Kochanowski è valso il nuovo massimo vantaggio: più cinque (12-7). L’ace di Bartosz Kurek ha accorciato le distanze (10-13), il contrattacco di Yuri Romanò le ha ristabilite (18-13). Ace di Fornal (16-19). L’errore in battuta di Semeniuk è valso il match point (24-19), quello di Bieniek ha riportato l’Italia sul tetto del mondo: 25 a 20.

Simone Giannelli (Immagine FIPAV)

Il tabellino: Polonia – Italia 1 a 3 (25-22, 21-25, 18-25, 20-25) in 1 ora e 53 minuti. Polonia: Aleksander Sliwka (12 – di cui 3 a muro), Kamil Semeniuk (11), Mateusz Bieniek (9, di cui 2 ace), Bartosz Kurek (8 punti per il capitano, di cui 1 al servizio), Lukasz Kaczmarek (7), Jakub Kochanowski (6), Tomasz Fornal (5 di cui 1 ace e 2 muri vincenti), Janusz Marcin (1 punto al servizio), Pawel Zatorski, Grzegorz Lomacz; n.e. Jakub Popiwczak, Bartosz Kwolek, Mateusz Poreba. All. Nikola Grbic. Italia: Daniele Lavia (top scorer con 19 punti realizzati, di cui 1 ace e 2 muri vincenti), Alessandro Michieletto (14 – di cui 1 al servizio e 2 a muro), Yuri Romanò (13), Simone Giannelli (7 punti per il capitano, di cui 2 ace), Simone Anzani (7 – di cui 3 a muro), Roberto Russo (3, di cui 2 muri vincenti), Gianluca Galassi, Fabio Balaso, Riccardo Sbertoli, Giulio Pinali; n. e. Francesco Recine, Mattia Bottolo, Leonardo Scanferla, Leandro Mosca. All. Ferdinando De Giorgi. Ace: 5 a 4 per la Polonia. Muri: 9 a 5 per l’Italia. MVP: Simone Giannelli. Migliori schiacciatori: Yoandy Leal e Kamil Semeniuk. Migliori centrali: Mateusz Bieniek e Gianluca Galassi. Miglior libero: Fabio Balaso. Miglior palleggiatore: Simone Giannelli. Miglior opposto: Bartosz Kurek. (Dati: FIVB)

Spodek Arena, Katowice (Immagine FIVB)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...